Ferragosto in Sicilia: la Scala illuminata di Caltagirone

scala di caltagirone
Foto di amercader / Flickr.com

Ammirare la Scala illuminata di Caltagirone è come posizionarsi davanti a un enorme ricamo filet, tipico degli addobbi sacri più preziosi. Un momento intenso ed emozionante, che si completa e si arricchisce del clima di festa della città e della luce tremula delle fiaccole, che infuocano i gradini della scalinata.

Senza dubbio una visione da non perdere, per chi si trova a Caltagirone in Sicilia, per la notte di Ferragosto.

Scala illuminata, attrazione senza uguali per il Ferragosto in Sicilia

Caltagirone è una splendida cittadina in provincia di Catania, collocata nel territorio dell’incantevole Val di Noto. L’area della città si divide in due zone principali: una originaria più vecchia e l’altra nuova, di più recente costruzione. Ad unire le due parti, con un dislivello di circa 50 metri, c’è la scalinata di Santa Maria del Monte, mirabile e bellissima nella sua maestosità. Un’opera monumentale realizzata con 142 gradini di maioliche, conosciuta anche con il nome di Scala illuminata (o infiorata, quando a maggio viene ricoperta di fiori).

Ogni anno infatti, nelle date del 24 e 25 luglio (per festeggiare San Giacomo il Santo Patrono della città) e nelle sere del 14 e del 15 agosto (quando si celebra la Santissima Maria del Ponte) la scala si illumina con migliaia di “coppi”. Si tratta di candele realizzate a mano in colori diversi, sistemate
sui vari scalini in modo magistrale per formare un bellissimo disegno che sembra un ricamo.

Scala illuminata, come si svolge

L’evento in sé è davvero di una bellezza straordinaria e impressionante, perché tutto l’allestimento avviene in una sola notte, grazie alla bravura del capomastro e dei suoi collaboratori, che hanno l’incarico di allestire il disegno abbozzato per l’occasione.

Nei mesi che precedono l’estate, si realizzano circa 4000 coppi, assortiti in colore bianco, verde e rosso. Hanno la forma di un cilindro cavo e sul fondo vengono appesantiti con la sabbia. Infine si inserisce all’interno lo stoppino con l’olio d’oliva, nell’apposita cavità detta luméra.

La sera del 23 luglio, la squadra degli addetti all’allestimento comincia a posizionare sui gradini i diversi coppi, realizzando il disegno in bozza. Già al mattino è tutto pronto e si può ammirare la decorazione della scala nella sua interezza, recandosi nella Piazza del municipio oppure in via Principe Amedeo. La sera si compie il rito: il capomastro fischia e centinaia di persone contribuiscono all’accensione di ogni singolo coppo, utilizzando un’asticella (seduti sui grandini e con grande attenzione per non spostare neppure una candela).

Lo spettacolo a cui si assiste è incantevole: i disegni sono altamente scenografici e sempre più belli e il tremolio delle fiammelle colorate dona alla serata un’atmosfera magica.

La notte l’incantesimo si ripete: i coppi vengono spostati nuovamente per dare vita ad un nuovo spettacolare disegno da ammirare la notte del 25 luglio. Lo stesso identico rituale avviene anche per le serate del 14 e del 15 agosto.

Programma dell’evento, Scala Illuminata 2019

24 luglio

21:00-24:00: Apertura straordinaria dei Musei Diocesani e Musei Civili
21:30: la Scala illuminata
22:00 la Notte Bianca delle Chiese Cattedrale, Chiesa di Santa Maria del Monte, Santa Chiara, Santa Rita e Collegio

25 luglio

21:00: processione del Simulacro e della Reliquia di San Giacomo
21:00-24:00: apertura straordinaria dei Musei Diocesani, della Cappella Neogotica, istituti culturali
21:30: la Scala illuminata

14 agosto

19:30: Primi Vespri solenni
21:30: Scala illuminata, suggestivo spettacolo della illuminazione artistica della tradizionale Scala S. Maria del Monte

15 agosto

5:30: Messa dell’Aurora e a seguire tradizionale processione per le vie del quartiere.
9:30: S. Messa
19:30: offerta votiva delle Tovaglie e della Quartara e a seguire la Santa Eucaristia
21:00: Processione lungo il percorso tradizionale di via Cappuccini, Piazza Marcinò, Via Grazia, S. Giovanni Bosco, Discesa Palazzo di Giustizia, Via Luigi Sturzo e infine Piazza Municipio. Rientro nel Santuario attraverso le vie Duomo, S. Pietro, Acquanuova e S. Luigi.
21:30: la Scala illuminata, visione artistica della Scala S. Maria del Monte

Cenni storici

La tradizione della Scala illuminata ha radici lontane nel tempo. Pare che l’idea sia di Padre Benedetto Papale, ispirato proprio dai ricami filet che le donne realizzavano per gli addobbi sacri. Oggi la tradizione è portata avanti dalla famiglia Russo che si occupa personalmente del posizionamento dei coppi ma anche della loro produzione, rigorosamente eseguita in modo artigianale.

Lo spettacolo è davvero unico al modo, un’esplosione di colori come un gigantesco fuoco d’artificio che cambia forma e si rinnova ogni volta nella sua straordinaria bellezza.

Informazioni su Caltagirone

Senza dubbio una delle città più belle e caratteristiche della Val di Noto, Caltagirone è un borgo splendido e ricco di bellezze architettoniche e paesaggistiche da ammirare. Per un giro turistico completo, il consiglio è di visitare:

  • la Cattedrale di San Giuliano
  • il Museo regionale della Ceramica
  • il Museo dei Presepi
  • il Centro storico
  • il Tondo Vecchio

Alla sera, ci si può fermare in uno dei tanti ristoranti o trattorie presenti per degustare ottimi piatti tipici dai sapori inconfondibili come i piatti a base di pesce ad esempio vini e formaggi, gli immancabili arancini e per finire pasta di mandorle o cassata siciliana.

Ti porebbero anche interessare:

Autore dell'articolo: Natalia Piemontese

Copywriter da 10 anni e mamma freelance, appassionata di viaggi. Originaria della Puglia, adoro l'Italia intera e ho visitato molte città dell'Europa, per lavoro o per semplice svago. Ho da poco inaugurato un nuovo progetto, su https://www.creatoridibrand.it/, con risorse e strumenti per aiutare le mamme come me a intraprendere un business nel digitale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *