Ferragosto in Toscana: il Palio dell’Assunta a Siena

piazza del campo durante il palio di siena di ferragosto

Vacanze in Toscana per il Ferragosto 2019? Allora il Palio di Siena, che si tiene ogni anno in città, è l’occasione giusta per partecipare ad una grande festa: una giostra equestre, coinvolgente ed entusiasmante, in un’incantevole e suggestiva atmosfera medievale.

Il Palio di Siena, l’evento di Ferragosto 2019 in Toscana

In realtà, la grande celebrazione del Palio si svolge in due occasioni, rispettivamente in onore della Madonna di Provenzano e della Madonna dell’Assunta, il 2 luglio e il 16 agosto. Per ogni Palio, i giorni dedicati alle manifestazioni sono quattro e quindi:

  • Palio della Madonna di Provenzano, dal 29 giugno al 2 luglio
  • Palio della Madonna dell’Assunta, dal 13 al 16 agosto

I festeggiamenti dei vincitori si protraggono poi per tutto il mese di agosto, con cene, feste e cortei.

Il Palio di Siena è un palio equestre, che si svolge secondo la tradizionale giostra dei cavalli che gareggiano in Piazza del Campo, a Siena. Uno degli eventi secolari nella storia italiana, tra i più conosciuti anche all’estero.

Il Palio di Siena, come si svolge

A sfidarsi ci sono ogni anno dieci Contrade, anche se in realtà quelle rappresentative della città sono diciassette. Grazie a un sistema di sorteggi e rotazioni, ogni anno entrano di diritto in gara le sette Contrade rimaste ferme l’anno prima. In più, circa un mese prima della gara, si estraggono a sorte le tre Contrade che andranno a completare la rosa degli sfidanti.

La grande corsa, detta carriera, termina con il vincitore che si aggiudica il Palio ovvero un drappellone dipinto, che ogni anno viene realizzato da un artista differente, designato dal Comune di Siena.

Queste le diciassette Contrade della città di Siena:

  1. Nobile Contrada dell’Aquila
  2. Nobile Contrada del Bruco
  3. Contrada della Chiocciola
  4. Contrada Priora della Civetta
  5. Contrada del Drago
  6. Imperiale Contrada della Giraffa
  7. Contrada Sovrana dell’Istrice
  8. Contrada del Leocorno
  9. Contrada della Lupa
  10. Nobile Contrada del Nicchio
  11. Nobile Contrada dell’Oca
  12. Contrada Capitana dell’Onda
  13. Contrada della Pantera
  14. Contrada della Selva
  15. Contrada della Tartuca
  16. Contrada della Torre
  17. Contrada di Valdimontone

Lo svolgimento del Palio è sempre preceduto da un Corteo Storico, in abiti d’epoca. Ogni Contrada, per regolamento, deve partecipare con alfieri, fantini e tamburini e altri personaggi rappresentativi della manifestazione.

Una volta terminato il Corteo, lo sparo di un mortaretto segnala che i cavalli possono uscire dall’Entrone. A questo punto i fantini si posizionano nella mossa: si tratta della posizione di partenza, nei pressi del Palazzo Comunale, dove come da tradizione si tendono due canapi, che servono ai fantini per allinearsi. È il mossiere che chiama le Contrade, secondo l’ordine di uscita che nessuno conosce fino all’ultimo momento: è una fase delicata, la piazza è gremita ma regna il silenzio assoluto.

Nel momento in cui si chiama la decima Contrada (che quindi è l’ultima a fare il suo ingresso), come da regolamento, è previsto che questa possa entrare in rincorsa, per recuperare un po’ di terreno. È il segnale implicito dell’inizio della gara.

I cavalli devono compiere per intero tre giri della piazza in senso orario (può anche succedere che il fantino venga scosso ovvero sbalzato via e che il cavallo prosegua la corsa da solo).

Vince il cavallo che arriva primo.

La Contrada vittoriosa si aggiudica il drappellone, che viene portato in festa verso il Duomo (mentre per il Palio di luglio, la chiesa di riferimento è la Collegiata di Santa Maria in Provenzano).

Ogni Contrada ha un oratorio di riferimento, con relativo museo in cui si conservano i vari drappelloni delle vittorie nonché i cimeli, i costumi, le bandiere e tutti gli oggetti che fanno parte della storia di quella Contrada.

Programma dell’evento, Palio di Siena 2019

Palio di Siena, prima corsa mese di luglio

29 giugno
12:00 Assegnazione dei cavalli alle contrade
19:45 Prima Prova

30 giugno
9:00 Seconda Prova
17:00 Processione del Cero Votivo
19:45 Terza Prova

1 luglio
9:00 Quarta Prova
19:45 Prova Generale e cena della Prova Generale

2 luglio
7:30 messa del Fantino nella Cappella di Piazza del Campo
9:00 Ultima Prova ovvero Provaccia
14:30 benedizioni dei cavalli e dei fantini
17:00 sfilata del Corteo Storico
19:00 Corsa del Palio della Madonna di Provenzano

Palio di Siena, seconda corsa mese di agosto

13 agosto
12:00 assegnazione dei cavalli alle contrade
19:15 Prima Prova

14 agosto
9:00 Seconda Prova
17:00 Processione del Cero Votivo
19:15 Terza Prova

15 agosto
9:00 Quarta Prova
19:15 Prova Generale e cena della Prova Generale

16 agosto
7:30 messa del Fantino nella Cappella di Piazza del Campo
9:00 Ultima Prova ovvero Provaccia
14:00 benedizioni dei cavalli e dei fantini
17:00 sfilata del Corteo Storico
19:00 Corsa del Palio della Madonna dell’Assunta

Cenni storici

Le origini del Palio di Siena sono davvero molto antiche e affondano le radici nel periodo del Medioevo. Le prime tracce documentali del Palio risalgono infatti al 1238. Fu il periodo di maggior splendore per la Repubblica di Siena, di cui la città ghibellina era una delle più influenti.

Il primo Palio corso con i cavalli, di cui si hanno notizie certe, è quello del 1633. Da allora, fatta eccezione per i periodi delle due guerre mondiali, ogni anno si celebra il famoso evento, che attira turisti da tutto il mondo. La location è d’eccezione ovvero la Piazza del Campo, di grande interesse storico e architettonico ma anche di affascinante bellezza, dovuta alla sua particolare forma a conchiglia.

Autore dell'articolo: Natalia Piemontese

Copywriter da 10 anni e mamma freelance, appassionata di viaggi. Originaria della Puglia, adoro l'Italia intera e ho visitato molte città dell'Europa, per lavoro o per semplice svago. Ho da poco inaugurato un nuovo progetto, su https://www.creatoridibrand.it/, con risorse e strumenti per aiutare le mamme come me a intraprendere un business nel digitale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *